Mineral Test
HomeAnalisi del Microbiota Intestinale

INTRODUZIONE

 
 
 
 

Ti proponiamo il test più completo oggi disponibile.
Vengono analizzati 10 milioni di DNA di batteri, funghi e parassiti!

La composizione del microbiota di un individuo è unica e alcuni profili sono stati associati a condizioni di salute migliori. Un microbiota sano è caratterizzato da un’elevata variabilità di batteri e dalla stabilità nel tempo. L’analisi del microbiota può aiutare a promuovere un buono stato di salute e prevenire o affrontare patologie intestinali (per esempio diarrea ricorrente o colite) o sistemiche (obesità, sindrome metabolica etc.).
Shotgun whole genoma sequencing WGS è un test che si basa sull’analisi del microbiota intestinale di un individuo con lo scopo di identificare le specie batteriche, fungine e parassiti presenti (microbiota), evidenziare eventuali disequilibri e correggerli attraverso lo stile di vita e, se necessario, l’assunzione di integratori alimentari specifici. Il test prevede il sequenziamento dell’intero genoma dei microorganismi che compongono il microbiota.
Grazie a questo approccio è possibile analizzare in modo estremamente preciso, sia a livello tassonomico sia a livello funzionale, tutte le specie presenti di batteri, funghi e parassiti. Per raggiungere questo obiettivo oltre ad un sequenziamento molto profondo, lo shotgun whole genoma sequencing, l’algortimo utilizza strumenti di intelligenza artificiale per incrementare la sua sensibilità.

COME FUNZIONA?

 
 
 
I valori trovati vengono confrontati con migliaia di microbiomi di soggetti sani e in questo modo è possibile valutare se particolari generi batterici siano in eccesso o in difetto rispetto alla media del database di controllo in modo da identificare e caratterizzare situazioni di disbiosi. Si utilizzano anche le informazioni mediche e le abitudini dei soggetti per migliorare i risultati.
Il risultato viene completato da una sintesi delle informazioni ottenute e da una serie di consigli alimentari e raccomandazioni di probiotici e integratori alimentari da poter supplementare alla dieta. Tali indicazioni vanno valutate con un professionista qualificato, in base alla valutazione anamnestica complessiva del soggetto.
 

La similarità mostra quanto il Microbioma analizzato sia simile a quello delle persone in buono stato di salute.

Un microbiota sano è ricco di specie diverse con abbondanza moderata. Un’alta diversità è indice di buona salute del microbiota. Questo valore mostra la diversità dei batteri presenti nell’intestino al momento del campionamento.

Il microbiota intestinale è composto da trilioni di microrganismi che ci aiutano a digerire e metabolizzare alcune molecole, oltre a produrre metaboliti benefici. Un numero elevato di diversi microrganismi è stato associato a stati di salute ottimali.

Esistono tre diversi enterotipi di microbiota intestinale. I tre enterotipi contengono specie diverse di batteri con un diverso impatto sull’intestino. Ogni enterotipo è caratterizzato dalla prevalenza di batteri appartenenti ad uno specifico genere.

Gram-positivo e gram-negativo sono gruppi di batteri che si distinguono per la composizione e la struttura della parete cellulare e della membrana. Le differenze tra i batteri gram+ e gram- si trovano nel loro involucro cellulare.

I batteri aerobici, a differenza degli anaerobici, dipendono dall’ossigeno per sopravvivere. Esistono due tipi di batteri anaerobi: gli anaerobi obbligati, che non possono crescere in presenza di ossigeno, e gli anaerobi facoltativi, che possono crescere sia in presenza che in assenza di ossigeno.

Firmicutes e Bacteroidetes sono due phyla dominanti nel microbiota fecale, che rappresentano fino al 90% del totale delle specie batteriche. Si ritiene che il rapporto Firmicutes e Bacteroidetes (rapporto F/B) sia altamente correlato con alcune malattie, come l’obesità e il diabete.

INFORMAZIONI ALIMENTARI

 
 
 
BATTERI CHE DEGRADANO IL GLUTINE
Il glutine è una proteina introdotta con l’alimentazione le cui caratteristiche la rendono difficile da metabolizzare. Diversi studi dimostrano che esistono varie tipologie di batteri che sono in grado di contribuire alla digestione del glutine.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che digeriscono il glutine. Poichè il glutine è una proteina difficile da digerire, una bassa abbondanza di questi batteri potrebbe incrementare il rischio di sviluppare intolleranza al glutine o malattie autoimmuni in persone geneticamente predisposte a sviluppare il morbo celiaco.

BATTERI CHE DIGERISCONO IL LATTOSIO
Il lattosio è uno zucchero comune presente nei prodotti lattiero-caseari. È stato dimostrato che l’intolleranza a questo zucchero ha basi genetiche. Nonostante ciò, esistono alcuni microorganismi dell’intestino capaci di degradarlo e di ridurre i sintomi legati alla sua cattiva digestione.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che digeriscono il lattosio.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA K
Le vitamine sono molecole importanti per la crescita e lo sviluppo del corpo umano. Nel caso della vitamina K ne esistono 2 forme attive: la vitamina K1 e la vitamina K2. La vitamina K1 é abbondante in alcuni ortaggi, mentre la vitamina K2 ha origine da alcuni microorganismi ed è presente in alimenti fermentati. La vitamina K gioca un ruolo benefico nella salute delle ossa e dei tessuti, oltre ad avere un ruolo importante nella coagulazione del sangue. Avere un’alta abbondanza di microorganismi produttori di vitamina K rispetto alla popolazione di riferimento è un parametro associato ad un buono stato di salute.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri produttori di
vitamina K. La vitamina K aiuta il corpo a costruire ossa e tessuti sani, inoltre ha un ruolo positivo nella coagulazione del sangue.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA B9
La vitamina B9 -chiamata anche folato o acido folico- è una vitamina solubile in acqua e presente in abbondanza in alimenti di origine vegetale. Deve infatti il suo nome alla parola latina ’folium’, ovvero ’foglia’ come fonte primaria per la sua assunzione. Avere un’alta abbondanza di microorganismi produttori di folato rispetto alla popolazione di riferimento è un parametro associato ad un buono stato di salute.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina B9. Una carenza di folato, prodotto principalmente dal processo di fermentazione di diversi batteri probiotici, potrebbe causare anemia.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA H
La vitamina H è una molecola solubile in acqua e alcol presente in alcuni alimenti come uova, latte, banana, sardine o funghi. Inoltre può anche essere sintetizzato nel microbioma intestinale delle specie Lactobacillus. Il suo ruolo di coenzima in alcune carbossilasi rende la vitamina H un fattore chiave per specifici passaggi del metabolismo ma anche per la regolazione genica attraverso l’epigenetica.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina H. La carenza di biotina potrebbe essere causata dall’alcolismo o da un elevato consumo di albume, che contengono alti livelli di avidina, una proteina che si lega strettamente alla biotina. La sua carenza può portare a sintomi come perdita di pigmento nei capelli e perdita di capelli, eruzioni cutanee rosse, depressione e altri sintomi.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA B12
La vitamina B12 è presente principalmente negli alimenti animali come carne, pesce o latte. Tuttavia, è sintetizzato solo da alcuni batteri e archaea. Questa vitamina è una molecola idrosolubile con ruoli essenziali nella funzione del cervello e del sistema nervoso, nella formazione del sangue, nel metabolismo delle proteine, nella sintesi e nella regolazione del DNA.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina B12. La carenza di vitamina B12 può causare sintomi come anemia, perdita di peso o alterazioni neurologiche come il morbo di Alzheimer, depressione o diminuzione delle capacità mentali. La forma artificiale di vitamina B12 utilizzata in alcuni integratori alimentari è chiamata cianocobalamina.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA B2
La vitamina B2 deve essere consumata quotidianamente a causa della piccola quantità che il corpo umano immagazzina e della facilità di escrezione. È presente in alimenti come uova, carne e latte. È una molecola idrosolubile assorbita nell’intestino tenue e aiuta a convertire i carboidrati, gli amminoacidi e i lipidi in energia (ATP). La funzione antiossidante della vitamina B2 gioca un ruolo importante nella protezione degli occhi (soprattutto della cornea) e nella prevenzione dello stress ossidativo.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina B2. Alcune malattie come l’ipotiroidismo potrebbero causare carenza di riboflavina. Inoltre, anche gli alcolisti o gli anoressici sono più inclini ad avere questa carenza. I sintomi principali sono infiammazioni della lingua e delle labbra, disturbi della pelle e anemia. La carenza di vitamina B2 è potenzialmente pericolosa per le donne in gravidanza perché può sfociare in eclampsia, una malattia che causa la morte materna e fetale.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA B5
La vitamina B5 fa parte del coenzima A (CoA), un cofattore coinvolto in una moltitudine di reazioni enzimatiche e principalmente correlato al metabolismo dei carboidrati, delle proteine e dei lipidi. È presente in diversi alimenti come fegato, reni, uova, pesce o latte. Aiuta a combattere la stanchezza e partecipa alla sintesi degli ormoni legati allo stress.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina B5. La carenza di vitamina B5 provoca sintomi come mal di testa, intorpidimento, mal di stomaco o irritabilità, e uno dei suoi fattori scatenanti è il consumo eccessivo di alcol, che ne ostacola l’assorbimento. A causa del suo ruolo importante nella sintesi dei grassi, alcuni studi suggeriscono un’influenza positiva della vitamina B5 sul colesterolo e sui trigliceridi.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA B1
La vitamina B1 è una vitamina idrosolubile che svolge un ruolo importante nel metabolismo del piruvato, nella conduttività delsegnale nervoso e nella fornitura di energia. È principalmente derivato da fonti alimentari e assorbito in tutto l’intestino. Ci sono alcuni batteri che possono sintetizzare la tiamina nell’intestino dai precursori della tiamina pirofosfato (TPP) e del tiazolo, che è stato identificato nel caffè, nelle arachidi tostate, nel manzo o nel pollo cotto e nelle patate al forno.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina B1. La carenza di vitamina B1 deriva da diete povere di vitamina e dall’alcolismo. Tutti i sintomi come gli effetti neurologici e la perdita di peso sono causati dall’influenza che la tiamina ha sul metabolismo del glucosio. La carenza di vitamina B1 causa anche il disturbo del beriberi, che si divide in due sottocategorie: “umido”, che ha un effetto sul sistema cardiovascolare, e “secco”, che è anche chiamato sindrome di Wernicke-Korsakoff e ha un effetto sul sistema nervoso sistema.

BATTERI PRODUTTORI DI VITAMINA B6
La vitamina B6 è una molecola idrosolubile che non siamo in grado di sintetizzare. Pertanto, deve essere assunto da fonti alimentari come pesce, in particolare salmone e tonno, legumi o carne. Alcuni gruppi di batteri possono anche sintetizzarlo nel nostro intestino. Un eccesso di vitamina B6 potrebbe causare mal di stomaco e alterazioni sensoriali.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono vitamina B6. Una carenza di vitamina B6 provoca danni vascolari, alla bocca (come ulcere) e infiammazione delle labbra. Inoltre, potrebbero esserci sintomi neurologici come irritabilità, depressione e confusione. Disturbi renali o epatici o alcolismo sono cause di carenza di vitamina B6.

CONSUMO DI ALCOL
Uno degli effetti negativi legati al consumo di bevande alcoliche è l’aumento della permeabilità della barriera intestinale, che provoca un’ infiammazione locale e sistemica. Il metabolismo dell’alcol avviene principalmente a livello epatico. Tuttavia alcuni batteri hanno un ruolo importante sia nella produzione di acetaldeide, a partire dall’alcol, sia nella degradazione ed eliminazione dal nostro organismo di questo composto. Un bilanciamento tra queste due classi di batteri ha generalmente un effetto positivo sullo stato di salute complessivo.

 

BATTERI CHE PRODUCONO ACETALDEIDE

VALORE ALTO

É stata riscontrata un’elevata abbondanza di batteri che producono l’acetaldeide. Durante il consumo di alcol, l’abbondanza di questi batteri può far aumentare la quantità di acetaldeide nel colon, aumentando così il rischio di carcinogenesi.

 

BATTERI CHE DEGRADANO ACETALDEIDE

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che degradano l’acetaldeide (un composto tossico derivato dal metabolismo dell’alcol). Una bassa abbondanza di questi batteri, nei soggetti che consumano alcol, può provocare un aumento della quantità di acetaldeide nel colon aumentando così il rischio di carcinogenesi.

STATO DEL PESO

 
 
 
BATTERI ASSOCIATI AL MANTENIMENTO DEL PESO
I batteri intestinali possono influenzare la tendenza di un soggetto ad essere in sovrappeso o normopeso. Esistono, infatti, alcuni batteri associati al corretto mantenimento del peso. Di solito, un arricchimento di questi batteri pari o superiore alla media della popolazione è benefico per la nostra salute.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri associati al
mantenimento del peso. Ovvero sono presenti meno batteri coinvolti nel mantenimento del peso ottimale.

 

STATO DI SALUTE

 
 
 
PERMEABILITÀ INTESTINALE
L’intestino è la più grande interfaccia tra il nostro corpo e l’ambiente. Questa interfaccia è data dalla barriera intestinale che è essenziale per mantenere uno stato di salute sano. Questa barriera ha una costituzione mucosa e la sua alterazione disturba la permeabilità intestinale. Un’abbondanza complessiva dei batteri mucolitici uguale o inferiore alla popolazione di riferimento è generalmente benefica.

 

VALORE ALTO

É stata riscontrata un’elevata abbondanza di batteri mucolitici. La barriera mucosale è un’ importante protezione contro batteri patogeni. Infatti l’incremento di batteri mucolitici aumenta la permeabilità dell’intestino. L’incremento di batteri mucolitici è stato osservato in malattie infiammatorie intestinali.

PRODUTTORI DI LIPOPOLISACCARIDI (LPS)
I lipopolisaccaridi (LPS) sono molecole che si trovano comunemente nella membrana esterna dei batteri gram-negativi e sono correlati ad infiammazione intestinale. Un’abbondanza complessiva inferiore rispetto alla popolazione di rife-rimento è generalmente benefica.

 

VALORE ALTO

É stata riscontrata un’elevata abbondanza di batteri produttori di lipopolisaccaridi. Questi composti sono endotossine che potrebbero portare allo sviluppo di endotossiemia.

PRODUTTORI DI IDROGENO SOLFORATO
L’idrogeno solforato è prodotto dai batteri che vivono nel nostro intestino e dalle cellule epiteliali. Questa sostanza ha un effetto regolatore benefico sul sistema cardio-circolatorio. Seguire una dieta ricca di solfati (ad es. cavolo, cipolla e funghi) permette di aumentare la quantità di idrogeno solforato prodotta dai batteri che metabolizzano questi composti. Un’abbondanza complessiva uguale o superiore rispetto alla popolazione di riferimento è generalmente benefica.

 

VALORE ALTO

É stata riscontrata un’elevata abbondanza di batteri produttori di
idrogeno solforato. Alti livelli di solfobatteri possono portare alla produzione di grandi quantità di idrogeno solforato. Un eccesso di questo composto è stato osservato in malattie infiammatorie dell’intestino e nel cancro colon-rettale.

PRODUTTORI DI SCFA: Butirrato
Il butirrato è la principale fonte di energia per le cellule del colon e aiuta a mantenere uno stato di ipossia nell’intestino. In questo senso, il butirrato è essenziale per mantenere lo stato sano del microbiota agendo sui batteri anaerobi obbligati.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri che producono butirrato. Il butirrato è coinvolto nell’omeostasi energetica del corpo. Bassi livelli di questi batteri potrebbero aumentare la possibilità di infiammazione riducendo la protezione contro obesità, insulino resistenza ed eventi di carcinogenesi.

PRODUTTORI DI SCFA: Acetato
L’acetato è in parte consumato da alcuni batteri luminali, che a loro volta ne convertono parte in butirrato. Tuttavia, la maggior parte dell’acetato sfugge ai batteri luminali e raggiunge i tessuti periferici che usano l’acetato per il loro metabolismo.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri produttori
di acetato. L’acetato è coinvolto nell’omeostasi energetica del corpo. Bassi livelli di questi batteri possono aumentare i processi di infiammazione e promuovere l’assunzione di cibo.

 

VALORE ALTO

É stata riscontrata un’elevata abbondanza di batteri produttori
di acetato. L’acetato è coinvolto nell’omeostasi energetica del corpo. Alti livelli di questi batteri possono stimolare il sistema nervoso parasimpatico ed il rilascio di insulina aumentando il rischio di obesità e la insulino resistenza.

PRODUTTORI DI SCFA: Propionato
Il propionato è coinvolto nella regolazione dei livelli di gluconeogenesi, lipogenesi e colesterolo.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri produttori di propionato. Il propionato è coinvolto nell’omeostasi energetica del corpo. Alcuni studi suggeriscono che basse concentrazioni di propionato possono aumentare i processi di infiammazione. Inoltre possono essere un indice di malnutrizione che porta all’ arresto della crescita, al sottopeso e alla carenza di micronutrienti.

 

VALORE ALTO

É stata riscontrata un’elevata abbondanza di batteri produttori di
propionato. Il propionato è coinvolto nell’omeostasi energetica del corpo. Livelli eccessivi di propionato sono stati associati all’aumento graduale di peso e, nel lungo periodo, all’insulino resistenza.

PROBIOTICI
I probiotici sono quei microrganismi viventi (ad es. Batteri) che, quando somministrati, hanno un effetto benefico sullo stato di salute. I probiotici agiscono a livello del tratto digestivo stabilizzando la composizione della flora batterica, aumentando la resistenza dell’organismo ai patogeni e migliorando e attivando le difese. I probiotici producono vitamine, enzimi digestivi e sostanze che aiutano a combattere alcuni batteri potenzialmente patogeni.

 

VALORE BASSO

É stata riscontrata una bassa abbondanza di batteri probiotici. I
batteri probiotici, quando somministrati nelle corrette dosi, conferiscono benefici in termini di salute generale. Lactobacillus, Lactococcus e Bifidobacterium sono i generi che contengono più batteri probiotici.

BATTERI POTENZIALMENTE PATOGENI
I batteri potenzialmente patogeni possono essere presenti in modeste quantità nel microbiota intestinale di persone sane. In determinate condizioni possono prendere il sopravvento, proliferare e causare disturbi intestinali. In caso vengano riscontrati valori al di sopra della media di popolazione si consiglia di sottoporre l’analisi al clinico di riferimento ed eventualmente eseguire approfondimenti diagnostici. Ove indicato “non rilevato” non si esclude che possa essere presente una quantità fisiologica dei batteri ricercati.

 

CLOSTRIDIUM DIFFICILE I ceppi patogeni di Clostridium difficile hanno l’effetto di produrre svariate tossine. Clostridium è un batterio che può causare sintomi che vanno dalla diarrea all’infiammazione potenzialmente letale del colon.

 

CLOSTRIDIUM PERFRINGENS Alcuni ceppi di Clostridium perfringens producono una tossina che rilasciata all’interno dell’intestino può essere causa di malattia. C. perfringens è l’agente batterico più comune per la cancrena gassosa (morte dei tessuti). Alcuni sintomi includono vesciche, tachicardia, gonfiore e ittero.

 

ENTEROCOCCUS FAECALIS Enterococcus faecalis se prolifera in maniera incontrollata può evadere la sede intestinale e causare diverse infezioni tra cui batteriemia, infezioni addominali e pelviche, infezioni del tratto urinario, infezioni orali, in particolare con canali radicolari, setticemia o avvelenamento del sangue, infezioni delle ferite, endocardite o meningite. Le persone con sistema immunitario indebolito sono particolarmente a rischio.

 

KLEBSIELLA Le specie di Klebsiella si trovano abitualmente nel naso, nella bocca e nel tratto gastrointestinale umano come flora residente; tuttavia, possono anche comportarsi come patogeni opportunisti e causare stati patologici, in particolare polmonite, infezioni del tratto urinario, sepsi, meningite, diarrea e infezioni dei tessuti molli.

 

SALMONELLA Le specie di Salmonella sono patogeni intracellulari facoltativi. Febbre tifoide, intossicazione alimentare, gastroenterite, febbre enterica e altre malattie sono tutti i tipi di infezione da Salmonella. L’avvelenamento da Salmonella è spesso legato ad acqua o alimenti contaminati, in particolare carne, pollame e uova. I sintomi includono crampi addominali, diarrea e vomito, che tendono ad apparire da 12 a 72 ore dopo l’infezione.

CONSULTA UN ESEMPIO DI REFERTO

Scopri il Dettaglio dei Dati Riportati!

COMPILA IL MODULO ONLINE!