Prima sperimentazione al mondo per testare i benefici dello zinco per somministrazione endovenosa nella lotta a COVID-19

Precedenti studi hanno dimostrato che lo zinco è efficace nel rallentare il tasso di altre infezioni respiratorie, come la SARS.

Riepilogo: i ricercatori dell’Università di Melbourne stanno conducendo dei trials per valutare se la somministrazione endovenosa di cloruro di zinco può aiutare a combattere alcuni degli effetti di COVID-19. Precedenti studi hanno dimostrato che lo zinco è efficace nel rallentare il tasso di altre infezioni respiratorie, come la SARS.

Fonte: Università di Melbourne

Una prima sperimentazione al mondo vedrà i ricercatori di Austin Health e dell’Università di Melbourne utilizzare lo zinco endovenoso per combattere i sintomi del coronavirus (COVID-19).

Il trial sarà condotto dal dott. Joseph Ischia del Austin Health, insieme al dott. Oneel Patel del Dipartimento di Chirurgia dell’Università di Melbourne, che ha una lunga storia di ricerca sugli effetti protettivi dello zinco endovenoso contro il danno d’organo indotto dalla carenza di ossigeno.

Il dottor Ischia ha dichiarato che COVID-19 è particolarmente pericoloso perché si replica all’interno del corpo di un paziente, il che può portare a condizioni respiratorie come bronchite e polmonite.

“Se COVID-19 entra nei polmoni di un paziente, spesso deve essere posizionato utilizzato un ventilatore per aiutare la respirazione e, nei casi più gravi, COVID-19 può causare insufficienza multipla di organi e lesioni cerebrali a causa della mancanza di ossigeno”.

Il dott. Patel ha affermato che gli studi hanno dimostrato che lo zinco è molto efficace nel rallentare la velocità con cui virus simili, come la SARS (sindrome respiratoria acuta grave) e il raffreddore comune (un tipo di coronavirus, si replicano nel corpo.

“I nostri studi pubblicati hanno anche dimostrato che alte dosi di zinco possono proteggere organi vitali come il cuore, i reni e il fegato dai danni causati dalla mancanza di ossigeno”, ha affermato il dott. Patel.

Lo studio clinico è stato accelerato per verificare se ricevere un’iniezione giornaliera di cloruro di zinco apporterà beneficio ai pazienti con coronavirus.

“Attualmente non esiste un trattamento specifico disponibile per i pazienti che hanno COVID-19 e che sono ad alto rischio di insufficienza respiratoria, il che significa che questo studio ha il potenziale per avere un enorme impatto positivo sui loro esiti clinici”, ha detto il dott. Ischia.

“È importante sottolineare che speriamo di dimostrare che si possono salvare delle vite limitando l’impatto dei sintomi. Ci aspettiamo di disporre dei risultati preliminari della sperimentazione dopo solo sette giorni, quindi sapremo molto rapidamente quanto sia efficace questo trattamento. ”

Il processo è il culmine di una collaborazione tra scienziati, chirurghi, nonché medici di terapia intensiva, malattie infettive e di medicina respiratoria presso la Austin Health, in collaborazione con l’azienda farmaceutica australiana, Phebra.

“È stato dimostrato che lo zinco è efficace nel trattamento della polmonite grave e di altri virus, sebbene non COVID-19 fino ad oggi. Questa sperimentazione è una straordinaria opportunità per scoprire se lo zinco IV può aiutarci a rispondere all’attuale pandemia”, ha affermato il dott. Eutick

“In caso di successo, questo potrebbe salvare vite umane e con questo trial dovremmo saperlo in breve tempo. In particolare, potrebbe essere molto importante per quei pazienti anziani ad alto rischio e anche contribuire a ridurre il livello di ansia generale nella comunità”.

Tuttavia, sia il dottor Ischia che il dott. Eutick hanno avvertito della necessità di gestire il rischio di overdose di zinco per i pazienti.

“Lo zinco può essere tossico e verrà somministrato con attenzione per garantire che i pazienti siano in sicurezza”, ha spiegato Ischia.

Link all’articolo originale:
https://about.unimelb.edu.au/newsroom/news/2020/april/world-first-trial-to-test-benefit-of-intravenous-zinc-in-covid-19-fight

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *