Esposizione a metalli pesanti e malattie cardiovascolari

0

Riassunto

I metalli pesanti sono inquinanti ambientali dannosi che hanno attirato una diffusa attenzione a causa dei rischi per la salute che comportano per le malattie cardiovascolari umane. I metalli pesanti, tra cui piombo, cadmio, mercurio, arsenico e cromo, si trovano in varie fonti come aria, acqua, suolo, cibo e prodotti industriali. Ricerche recenti suggeriscono fortemente una connessione tra malattie cardiovascolari ed esposizione a metalli pesanti tossici. Studi epidemiologici, di base e clinici, hanno rivelato che i metalli pesanti possono promuovere la produzione di specie reattive dell’ossigeno, che possono quindi esacerbare la generazione di specie reattive dell’ossigeno e indurre infiammazione, con conseguente disfunzione endoteliale, distribuzione del metabolismo lipidico, interruzione dell’omeostasi ionica e cambiamenti epigenetici . Nel corso del tempo, l’esposizione a metalli pesanti porta ad un aumento del rischio di ipertensione, aritmia e aterosclerosi. Rafforzare la prevenzione della salute pubblica e l’applicazione di agenti chelanti o antiossidanti, come vitamine e beta-carotene, insieme a minerali, come selenio e zinco, possono ridurre il peso delle malattie cardiovascolari attribuibili all’esposizione ai metalli.

Le malattie cardiovascolari (CVD) sono la principale causa di morte a livello globale. Si stima che ≈523 milioni di persone soffrano di CVD e che 18,6 milioni di persone muoiano ogni anno per cause correlate a CVD. Negli ultimi decenni, attraverso studi epidemiologici, di base e clinici, gli scienziati hanno riconosciuto che l’aumento dell’età, la genetica, il tabacco, l’ipercolesterolemia, l’ipertensione, l’inattività fisica, l’obesità, il diabete, lo stress, l’uso eccessivo di alcol e la dieta/nutrizione favoriscono lo sviluppo di CVD. Nonostante i progressi nelle tecniche di prevenzione e nelle terapie, esiste ancora un rischio sostanziale sconosciuto e i fattori di rischio tradizionali non riescono a tenere conto di tutti i rischi potenziali.

L’inquinamento da metalli pesanti è un problema noto da secoli. I metalli pesanti comprendono metalli tossici, come l’arsenico (As), il cadmio (Cd), il piombo (Pb) e il mercurio (Hg), e alcuni metalli in traccia essenziali, come il cromo (Cr), il cobalto (Co), il rame (Cu), il magnesio (Mg), il manganese (Mn), il molibdeno (Mo), il nichel (Ni), il selenio (Se), il tungsteno (W), il vanadio (V), il ferro (Fe) e lo zinco (Zn). L’esposizione è comune a causa dell’aumento dell’industrializzazione e delle attività antropiche. Queste fonti di contaminazione possono provenire da emissioni industriali, attività agricole, combustione di combustibili fossili, smaltimento dei rifiuti e molte altre fonti. Fattori come le attività sociali e personali, come il consumo di tabacco, e l’esposizione ai metalli presenti nei prodotti commerciali di uso comune, tra cui vernici, benzina, prodotti elettronici, tubature dell’acqua e alcuni alimenti, contribuiscono in modo significativo al rischio complessivo. Questi aspetti devono essere considerati con attenzione quando si valutano i potenziali rischi per la salute.

L’esposizione a fattori ambientali, come i metalli pesanti, è un elemento cruciale e modificabile del rischio di CVD denominato cardiologia ambientale. L’evidenza del ruolo dell’esposizione ambientale ai metalli pesanti nel rischio di CVD è aumentata rapidamente negli ultimi vent’anni. Diversi metalli pesanti, come l’arsenico, il mercurio, il cadmio e il piombo, si distinguono per la loro contaminazione diffusa, gli effetti di lunga durata sull’organismo e la tossicità renale e cardiovascolare. È noto che l’esposizione a tossici ambientali, come il piombo, il cadmio, l’arsenico e il mercurio, ha effetti collaterali duraturi sul sistema cardiovascolare, come l’ipertensione, l’aritmia e l’aterosclerosi (Figura 1). Inoltre, sebbene alcuni oligoelementi essenziali siano fondamentali e benefici per la salute umana, alcuni studi hanno anche riportato associazioni significative tra squilibri dei metalli essenziali e rischio di CVD. Ad esempio, un alto livello di rame sierico o un basso livello di magnesio sierico con un basso livello di zinco sono particolarmente associati a un aumento della mortalità cardiovascolare, e l’accumulo di rame intracellulare può indurre stress ossidativo e provocare cuproptosi, che disturba l’omeostasi cellulare. Inoltre, la ferroptosi, una forma di morte cellulare regolata ferro-dipendente causata dall’accumulo di ferro intracellulare, media anche la patogenesi e la progressione di numerose malattie cardiovascolari, tra cui l’aterosclerosi, l’insufficienza cardiaca indotta da farmaci, il danno da ischemia-riperfusione miocardica, la cardiomiopatia indotta da sepsi, l’aritmia e la cardiomiopatia diabetica.

Figura 1. Distribuzione dei metalli pesanti e loro effetti sul sistema cardiovascolare umano.

Il diagramma illustra la distribuzione di arsenico (As), cadmio (Cd), piombo (Pb), mercurio (Hg) e cromo (Cr) nell’ambiente (fiumi, oceani, aria e suolo) e nella fonte di esposizione (alimenti, acqua potabile e prodotti industriali). L’esposizione ai metalli pesanti, che entrano nell’organismo attraverso l’inalazione, l’ingestione e il contatto cutaneo, può portare ad anomalie cardiovascolari come aritmia, ipertensione e aterosclerosi.

Integrazione di antiossidanti

Gli antiossidanti sono composti che neutralizzano i ROS dannosi e riducono il danno ossidativo nelle cellule. Svolgono un ruolo cruciale nel mantenimento della salute cellulare e nella prevenzione delle malattie legate allo stress ossidativo. Nel contesto dell’esposizione ai metalli pesanti, gli antiossidanti possono contribuire a ripristinare l’equilibrio tra lo stress ossidativo e i meccanismi di difesa dell’organismo.

Gli studi hanno mostrato risultati promettenti sull’efficacia dell’integrazione di antiossidanti nell’alleviare la tossicità indotta dai metalli pesanti. Vitamine come la vitamina C, la vitamina E e il betacarotene e minerali come il selenio e lo zinco hanno dimostrato potenti proprietà antiossidanti. Questi nutrienti eliminano i radicali liberi, migliorano i processi naturali di disintossicazione dell’organismo e proteggono le strutture cellulari dal danno ossidativo causato dai metalli pesanti.

L’integrazione di antiossidanti può ridurre gli effetti dell’esposizione ai metalli pesanti, ma non deve essere un trattamento a sé stante. È fondamentale un approccio olistico che preveda la minimizzazione dell’esposizione, l’attuazione di misure di sicurezza, il supporto nutrizionale e la consultazione di un medico. Poiché l’efficacia della terapia chelante è ancora in fase di studio, è urgente trovare altre strategie per alleviare la tossicità dei metalli pesanti. Gli studi molecolari hanno portato alla luce molti meccanismi della cardiotossicità indotta dai metalli pesanti. Ciò ha reso possibile l’uso di agenti chelanti più blandi e specifici in combinazione con un trattamento sintomatico come l’uso di antiossidanti, il supporto epatico e l’integrazione di nutrienti. Inoltre, l’esposizione a basse dosi rimane una minaccia sottile e nascosta, che può rimanere difficile da diagnosticare. Pertanto, è importante sensibilizzare le persone sulla tossicità dei metalli pesanti e ridurre la loro esposizione all’inquinamento ambientale da metalli pesanti.

Heavy Metal Exposure and Cardiovascular Disease

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COMPILA IL MODULO ONLINE!