La persistenza a lungo termine dell’idrossido di alluminio derivato da vaccino è associata a disfunzione cognitiva cronica

La miofascite macrofagica (MMF) è una condizione emergente, caratterizzata da specifiche lesioni muscolari che valutano la persistenza a lungo termine dell’idrossido di alluminio all’interno dei macrofagi nel sito della precedente immunizzazione. I pazienti affetti si lamentano principalmente di artromialgia, stanchezza cronica e difficoltà cognitive . Abbiamo progettato una batteria completa di test neuropsicologici per delineare prospetticamente la disfunzione cognitiva associata a MMF (MACD). Rispetto al controllo dei pazienti con artrite e dolore cronico , i pazienti affetti da MMF avevano una  pronunciata e specifica perdita di cognizione. Il MACD ha principalmente interessato (i) sia la memoria visiva che quella verbale; (ii) funzioni esecutive, incluse l’attenzione, la memoria di lavoro e la pianificazione; e (iii) estinzione dell’orecchio sinistro al test di ascolto dicotico. I deficit cognitivi non erano correlati al dolore, all’affaticamento, alla depressione o alla durata della malattia. Restano da determinare i meccanismi fisiopatologici alla base della MACD. In conclusione, la persistenza a lungo termine di idrossido di alluminio derivato da vaccino all’interno del corpo valutato dall’MMF è associata a disfunzione cognitiva , non solo a causa di dolore cronico , affaticamento e depressione.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Long-term+persistence+of+vaccine-derived+aluminum+hydroxide+is+associated+with+chronic+cognitive+dysfunction

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *