Sostanze inquinanti a base di metalli tossici e il loro possibile ruolo nel disturbo dello spettro autistico

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) è un disordine dello sviluppo neurologico caratterizzato da deficit nell’interazione sociale, comunicazione, verbale e non verbale, e comportamenti stereotipati. Molti studi supportano una relazione significativa tra molti diversi fattori ambientali nell’eziologia ASD. Questi fattori includono l’aumento dell’esposizione quotidiana a vari inquinanti ambientali a base di metalli tossici, che rappresentano un motivo di preoccupazione per la salute pubblica. Questo articolo esamina i metalli tossici che sono tra gli inquinanti ambientali più rilevanti, e comunemente trovati, cioè piombo (Pb), mercurio (Hg), alluminio (Al) e arsenico inorganico  (As). Inoltre, si discute di come gli inquinanti possano essere una possibile causa patogenetica dell’ASD attraverso vari meccanismi tra cui la neuro-infiammazione in diverse regioni del cervello, che si verifica fondamentalmente attraverso l’elevazione del profilo pro-infiammatorio delle citochine e l’espressione aberrante del fattore nucleare kappa B (NF-κB). A causa dell’aumento mondiale dell’inquinamento tossico ambientale, gli studi sul ruolo degli inquinanti nei disordini dello sviluppo neurologico, compresi gli effetti diretti sul cervello in via di sviluppo, sulla suscettibilità genetica  e polimorfismo dei soggetti, sono della massima importanza per ottenere il miglior approccio terapeutico e le strategie preventive.

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Toxic+metal(loid)-based+pollutants+and+their+possible+role+in+autism+spectrum+disorder

 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *