Effetto dell’integrazione di acido folico e zinco negli uomini sulla qualità del seme e sulle nascite tra le coppie sottoposte a trattamento di sterilità: una sperimentazione clinica randomizzata.

Gli integratori alimentari commercializzati per la fertilità maschile contengono comunemente acido folico e zinco sulla base di prove preliminari limitate per migliorare la qualità del seme. Tuttavia, nessuno studio su larga scala ha esaminato l’efficacia di questa terapia per migliorare la qualità del seme o le nascite.

OBIETTIVO:

Per determinare l’effetto della supplementazione giornaliera di acido folico e zinco sulla qualità dello sperma e sulle nascite.

DESIGN, IMPOSTAZIONE E PARTECIPANTI:

La sperimentazione di integrazione di acido folico e zinco è stata una sperimentazione clinica randomizzata multicentrica. Le coppie (n = 2370; uomini di età ≥18 anni e donne di età compresa tra 18 e 45 anni) che pianificavano il trattamento di infertilità sono state arruolate in 4 centri di studio di endocrinologia e infertilità riproduttiva negli Stati Uniti tra giugno 2013 e dicembre 2017. L’ultima visita semestrale per la raccolta di sperma è avvenuta nel mese di agosto 2018, con la rappresentazione grafica delle informazioni sulla nascite e la gravidanza completate nel mese di aprile 2019.

INTERVENTI:

Gli uomini sono stati randomizzati in blocco dal centro di studio e pianificato il trattamento dell’infertilità (fecondazione in vitro, altri trattamenti in un sito di studio e altri trattamenti in una clinica esterna) per ricevere 5 mg di acido folico e 30 mg di zinco elementare (n = 1185) o placebo (n = 1185) al giorno per 6 mesi.

PRINCIPALI RISULTATI E MISURE:

Gli esiti co-primari erano la nascita (risultante da gravidanze avvenute entro 9 mesi dalla randomizzazione) e i parametri di qualità del seme (concentrazione dello sperma, motilità, morfologia, volume, frammentazione del DNA e conta totale degli spermatozoi mobili) a 6 mesi dopo la randomizzazione.

RISULTATI:

Tra i 2370 uomini randomizzati (età media, 33 anni), 1773 (75%) hanno partecipato alla visita di studio di 6 mesi. I risultati di nascita erano disponibili per tutte le coppie e 1629 uomini (69%) avevano lo sperma disponibile per l’analisi a 6 mesi dopo la randomizzazione. Il parto non era significativamente diverso tra i gruppi di trattamento (404 [34%] nel gruppo acido folico e zinco e 416 [35%] nel gruppo placebo; differenza di rischio, -0,9% [IC 95%, -4,7% -2,8% ]). La maggior parte dei parametri di qualità del seme (concentrazione dello sperma, motilità, morfologia, volume e numero totale di spermatozoi mobili) non differivano significativamente tra i gruppi di trattamento a 6 mesi dopo la randomizzazione. È stato osservato un aumento statisticamente significativo della frammentazione del DNA con l’integrazione di acido folico e zinco (media del 29,7% per percentuale di frammentazione del DNA nel gruppo acido folico e zinco e 27,2% nel gruppo placebo; differenza media, 2,4% [IC 95%, 0,5% – 4,4%]). I sintomi gastrointestinali erano più comuni con l’integrazione di acido folico e zinco rispetto al placebo (disagio o dolore addominale: 66 [6%] vs 40 [3%], rispettivamente; nausea: 50 [4%] vs 24 [2%]; e vomito : 32 [3%] contro 17 [1%]).

CONCLUSIONI E RILEVANZA:

Tra una popolazione generale di coppie in cerca di trattamento dell’infertilità, l’uso di acido folico e integrazione di zinco da parte dei partner maschi, rispetto al placebo, non ha migliorato significativamente la qualità del seme o il tasso di natalità delle coppie. Questi risultati non supportano l’uso di acido folico e integrazione di zinco da parte di partner maschi nel trattamento dell’infertilità.

 

Link all’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31910279

 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *