Zinco come intervento nutrizionale e misura di prevenzione per la malattia COVID-19

Zinco come intervento nutrizionale e misura di prevenzione per la malattia COVID-19

Sommario

L’attuale diffusione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2, che provoca la malattia COVID-19, progredisce rapidamente in tutto il mondo. In assenza di un trattamento curativo e di un vaccino efficace e sicuro, è urgente concentrarsi sull’identificazione e la correzione dei deficit nella funzione immunitaria al fine di ridurre il rischio di gravi progressi della malattia e ridurre il numero di infezioni e decessi. Questo documento valuta la letteratura più recente sullo stato dello zinco correlato all’immunità antivirale e il suo possibile ruolo in COVID-19. Si è concluso che lo zinco è un fattore critico per l’immunità antivirale. Ci sono ampie prove che suggeriscono che la carenza di zinco, prevalente anche nelle nazioni ad alto reddito, compromette le funzioni immunitarie. In particolare, i principali gruppi a rischio per COVID-19, gli anziani, gli uomini più delle donne, gli individui obesi e i pazienti con diabete sono tutti a rischio di carenza di zinco. Inoltre, è stato segnalato che vari farmaci antipertensivi ampiamente utilizzati e la terapia con statine influenzano negativamente lo stato dello zinco. Poiché l’esaurimento dello zinco altera l’immunità antivirale, si ipotizza che aumenti la suscettibilità al COVID-19. Pertanto, dovrebbero essere prese in considerazione misure di prevenzione dietetica e una pronta implementazione dell’integrazione di zinco per i gruppi a rischio. Sono urgentemente necessari studi su larga scala per indagare il ruolo dei micronutrienti e dell’immunità antivirale, in particolare l’interazione tra immunità e farmaco-micronutriente.

introduzione

L’attuale diffusione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV2), che provoca la malattia COVID-19, progredisce rapidamente sfidando urgentemente il sistema sanitario mondiale. In assenza di un trattamento curativo e di un vaccino efficace e sicuro al momento, c’è una pressante necessità di concentrarsi sull’identificazione e la correzione dei deficit nella funzione immunitaria, specialmente per quelli a rischio di COVID-19. Gli anziani e le persone con condizioni di comorbilità mostrano un aumentato rischio di grave progressione. Lo stato dello zinco, noto per essere un fattore critico per la risposta immunitaria antivirale, può avere il potenziale di influenzare il decorso dell’infezione virale negli individui. Qui, si sostiene che in particolare le popolazioni adulte a rischio di disturbi dell’omeostasi dello zinco hanno un aumentato rischio di grave progressione di COVID-19. Inoltre, i dati nutrizionali, immunologici e clinici suggeriscono che lo stato dello zinco può svolgere un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel controllo della malattia COVID-19. Ciò apre possibilità per misure di intervento dietetico e nutrizionale mirate per migliorare la risposta immunitaria antivirale.

Zinco nell’immunità antivirale

Lo zinco è coinvolto nella generazione della risposta immunitaria antivirale innata e acquisita. Prima di tutto, lo zinco è essenziale per la funzione di barriera dell’epitelio mucoso grazie alla sua attività antiossidante e antinfiammatoria. Regola anche le proteine ​​delle giunzioni serrate che sono importanti per il mantenimento dell’integrità della membrana mucosa. 

La riduzione dell’integrità della mucosa e la perdita della coesione delle giunzioni serrate aggrava l’infiammazione virale. Questi deterioramenti provocano edema alveolare, a causa della perdita di proteine ​​ad alto peso e acqua, con conseguente sindrome da distress respiratorio acuto.

La proliferazione, la differenziazione, la maturazione e il funzionamento dei leucociti, compresi i linfociti, sono tutti regolati dallo zinco. Gli ioni zinco regolano le vie del segnale intracellulare nelle cellule immunitarie, sia innate che adattive. In questo modo lo zinco agisce direttamente legandosi in modo reversibile alle proteine ​​regolatrici o indirettamente modulando gli enzimi, come i fosfati, coinvolti nelle vie di segnalazione. La produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e delle citochine dipende dalla disponibilità di zinco. La produzione di ROS è necessaria per l’uccisione intracellulare di agenti patogeni e per la formazione di trappole extracellulari di neutrofili, rilasciate dai granulociti per neutralizzare i patogeni. Il trattamento con zinco in vitro ha dimostrato un aumento della produzione di interferone α (IFNα) da parte dei leucociti, potenziandone l’attività antivirale. 

A causa del coinvolgimento dello zinco in varie funzioni immunitarie, la carenza di zinco si traduce in:

  • Attività ridotta delle cellule immunitarie come la fagocitosi alterata.
  • Diminuzione delle funzioni critiche dei neutrofili.
  • Funzioni delle cellule natural killer indebolite.
  • Numero e attivazione dei linfociti ridotti.
  • Diminuzione della produzione di anticorpi.
  • Secrezione di citochine da cellule T helper squilibrata, con ridotta produzione di IFNγ. Gli IFN sono citochine immunostimolatorie con attività antivirale.
  • Aumento dell’atrofia timica e conseguente rischio di infezione.

D’altra parte, l’eccesso di zinco può anche compromettere la risposta immunitaria inibendo la funzione dei linfociti T e B, riducendo la distruzione dei patogeni intracellulari nei macrofagi o inducendo un sovraccarico dei linfociti T regolatori. Ciò dimostra che un’omeostasi equilibrata dello zinco è fondamentale per avere funzioni immunitarie adeguate.

Inoltre, è necessaria un’accurata modulazione della risposta infiammatoria per ottenere un’adeguata risposta immunitaria antivirale. Perciò, lo zinco è fondamentale per contrastare reazioni infiammatorie eccessive migliorando il controllo del fattore trascrizionale regolatorio, il fattore nucleare κB (NF-κB), con conseguente riduzione della produzione di citochine proinfiammatorie. I segnali di zinco possono aumentare i livelli intracellulari della proteina zinc finger A20, che inibisce l’attivazione di NF-κB attraverso un ciclo di feedback negativo, sottoregolando anche i fattori proinfiammatori.  Lo zinco può anche limitare la risposta infiammatoria eccessiva modulando le funzioni delle cellule T regolatorie.

Inoltre, lo zinco ha dimostrato un’attività antivirale diretta verso un’ampia varietà di virus, intensificando l’immunità antivirale. La carenza di zinco si traduce in un sistema immunitario compromesso, insieme ad una ridotta disponibilità di zinco per un’azione antivirale diretta, aumentando la suscettibilità alle infezioni virali.  Quindi, le popolazioni carenti di zinco hanno maggiori probabilità di contrarre la polmonite  e le infezioni virali come documentato per l’epatite C e l’HIV.  Alcuni studi suggeriscono che lo zinco può anche migliorare la risposta immunitaria antibatterica allo Streptococcus Pneumoniae , che può provocare una coinfezione nella polmonite virale. Inoltre, gli effetti antinfiammatori dello zinco aiutano anche a limitare i danni ai tessuti in caso di polmonite e diminuire il rischio di sepsi.

La maggiore conoscenza del ruolo dello zinco nell’immunità virale ha portato a studi clinici, che hanno mostrato un evidente effetto terapeutico della supplementazione di zinco nelle infezioni virali come il comune raffreddore e l’herpes simplex.  Attualmente lo zinco è raccomandato dall’OMS come trattamento di prima linea, con soluzione reidratante orale, per la gastroenterite acuta nei bambini, a causa della sua efficacia clinicamente dimostrata nel ridurre la diarrea.  La domanda è in che misura lo zinco è coinvolto anche nell’immunità antivirale in caso di COVID-19.

Chi è a rischio di carenza di zinco?

Le caratteristiche emergenti riguardanti COVID-19 mostrano che i pazienti maggiormente a rischio di esito fatale di COVID-19 sono gli anziani, quelli con malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche, ipertensione, sovrappeso e cancro. I maschi mostrano un rischio maggiore rispetto alle femmine.  Confrontando questi risultati con i gruppi a rischio per uno stato di zinco basso, si può notare quanto segue: la popolazione anziana, più a rischio di malattia COVID-19 grave,  è anche più a rischio di una carenza di zinco.  Un’indagine trasversale sulla popolazione tra un campione casuale di partecipanti anziani, di età compresa tra 67 e 87 anni, ha rilevato una carenza di zinco del 10,1%, in linea con gli studi precedenti. La prevalenza era significativamente più alta con l’aumentare dell’età e in particolare più uomini (13,1%) che donne (7,3%) erano carenti di zinco. Una dieta povera di zinco, una maggiore assunzione di alcol e uno stato di malattia, possono tutti contribuire all’esaurimento dello zinco. 

Per quanto riguarda il diabete, una meta-analisi comprendente 52 studi sui micronutrienti nel diabete ha dimostrato uno stato di zinco significativamente inferiore per i pazienti con diabete (n = 20183) rispetto ai controlli. I risultati di questo studio sono coerenti con altri studi che hanno osservato una deplezione di zinco fino al 77% nei pazienti con diabete di tipo 2  o hanno trovato una correlazione inversa tra glicemia e livelli di zinco. Inoltre, la ricerca dimostra che l’obesità predispone alla carenza di zinco. Gli studi hanno rivelato livelli sierici di zinco ridotti fino al 28% negli individui obesi prima della chirurgia bariatrica e nel 36% -51% dei pazienti successivamente. Un altro studio in Spagna su 115 donne obese patologiche ha rilevato che il 74% di loro era carente di zinco. In conclusione, questi studi suggeriscono una forte correlazione tra età, diabete, sovrappeso e stato di zinco…

… Una questione importante è l’uso di farmaci antipertensivi e il loro possibile effetto sulle funzioni immunitarie. Per quanto riguarda lo zinco, è stato segnalato che vari farmaci antipertensivi influenzano negativamente l’equilibrio dello zinco, determinando una risposta immunitaria antivirale potenzialmente ridotta.

In primo luogo, i diuretici tiazidici, ampiamente utilizzati nella terapia antipertensiva, possono provocare un aumento significativo dell’escrezione urinaria di zinco e di conseguenza ridurre le concentrazioni di zinco nei tessuti.  Uno studio sull’uso a lungo termine dell’idroclorotiazide (≥6 mesi) ha portato a livelli sierici di zinco significativamente più bassi in 20 soggetti su 39 rispetto ai controlli.  I pazienti con ipertensione (n = 36) in monoterapia con diuretici, la maggior parte dei quali utilizza diuretici simili ai tiazidici, hanno mostrato una concentrazione di zinco significativamente più bassa nel siero e negli eritrociti dopo 3 mesi di terapia rispetto ai livelli basali in uno studio randomizzato.

Inoltre, l’uso a lungo termine di alcuni ACE-inibitori come captopril (50-150 mg/giorno), verapamil (240 mg/giorno) e ramipril (5 mg/giorno) può abbassare significativamente i livelli sierici di zinco. Anche le concentrazioni sieriche di zinco erano diminuite nei soggetti (n = 14) dopo aver usato ACE-inibitori per 3 mesi. In questo studio, l’assunzione di zinco nella dieta è stata controllata durante il periodo di prova. Nello stesso studio, è stata osservata anche una riduzione significativa della concentrazione di zinco eritrocitario in pazienti con ipertensione (n = 18) trattati con calcioantagonisti (Ca-antagonisti)  in contrasto con uno studio precedente (n = 20) in cui non era stato trovato. Tuttavia, il monitoraggio dell’assunzione di zinco nella dieta non è stato segnalato.

Inoltre, alcuni bloccanti del recettore dell’angiotensina 2 (ARB) hanno dimostrato di avere anche un potenziale per abbassare i livelli di zinco. Un trattamento di 3 mesi con valsartan (80 mg/die) si è rivelato causare una riduzione significativa dei livelli sierici di zinco e di zinco eritrocitario nei pazienti ipertesi. La terapia stand-alone con losartan (50,0 mg/die), in 17 pazienti ipertesi per 4 settimane, ha determinato un aumento significativo dell’escrezione urinaria di zinco e della deplezione dello zinco. Tuttavia, non sono state riscontrate alterazioni nei livelli sierici e di zinco eritrocitario in 12 pazienti con ipertensione dopo 3 mesi di trattamento con ARB, sebbene non siano stati riportati i dosaggi dei farmaci.  Nel frattempo, gli studi condotti sui beta-bloccanti rimangono inconcludenti circa il loro effetto sul metabolismo dello zinco.

Va notato che la maggior parte degli studi sui farmaci antipertensivi e stato dello zinco è durata da 4 settimane a 6 mesi. Ciò è notevolmente più breve rispetto alla situazione reale in cui i pazienti ipertesi assumono solitamente questi farmaci per anni. Inoltre, è stata studiata principalmente la monoterapia, mentre nella pratica medica viene spesso applicato l’uso di due o più farmaci antipertensivi. Un farmaco potrebbe avere un effetto additivo sull’altro farmaco nell’abbassare i livelli di zinco, come è stato dimostrato per la combinazione losartan (50,0 mg/giorno) associata a idroclorotiazide (12,5 mg/giorno).

Inoltre diuretici, ACE inibitori, ARB e Ca-antagonisti sono ampiamente utilizzati anche per altri disturbi cardiovascolari, separati o combinati con farmaci aggiuntivi. Ad esempio, le statine sono ampiamente utilizzate per il trattamento della dislipidemia nelle malattie cardiovascolari. La terapia a lungo termine con statine è associata a un rischio maggiore del 10% -45% di diabete di tipo 2 di nuova insorgenza, che può indurre una deplezione dello zinco. Quindi, molti pazienti cardiovascolari che usano antipertensivi o statine, che possono influenzare l’equilibrio dello zinco, possono essere maggiormente a rischio di carenza di zinco ( tabella 1 ). Per numerosi altri farmaci cardiovascolari mancano dati sufficienti sul metabolismo dello zinco.

Zinco e suscettibilità a COVID-19

Il declino delle funzioni immunitarie con l’invecchiamento, che viene spesso definito “immunosenescenza”, sembra essere correlato alla minore disponibilità di zinco. Una lieve carenza di zinco, comunemente osservata con l’invecchiamento, porta a una disregolazione del sistema immunitario adattativo che diminuisce la risposta immunitaria specifica (funzione delle cellule B, produzione di immunoglobuline) insieme alla tendenza a una maggiore produzione di citochine proinfiammatorie, chiamate ‘ inflammaging ‘. Nell’infiammazione cronica, c’è un sequestro continuo di zinco intracellulare e viene impedito il rilascio di zinco legato alle proteine ​​intracellulari (metallotioneine). Di conseguenza, la biodisponibilità intracellulare di ioni zinco, indispensabile per una corretta funzione immunitaria, viene ridotta.  La supplementazione di zinco ripristina parzialmente queste alterazioni. Inoltre, l’infiammazione spesso osservata con l’invecchiamento può influenzare anche l’immunità innata. Soprattutto nella fase iniziale delle infezioni virali di nuova acquisizione, una risposta immunitaria adeguata dipende in gran parte dal sistema immunitario innato. In particolare lo zinco è fondamentale per il suo efficiente funzionamento.  Nel COVID-19, ci sono forti indicazioni per una sottoregolazione della risposta immunitaria innata, insieme ad una condizione infiammatoria elevata, caratteristiche simili a quelle riscontrate nella SARS e nella sindrome respiratoria del Medio Oriente. Questo può spiegare perché gli anziani sono più a rischio di COVID-19 rispetto ai bambini piccoli che beneficiano di una risposta immunitaria innata altamente efficace. 

Oltre al suo ruolo nelle funzioni immunitarie, lo zinco ha anche mostrato un’attività antivirale diretta per un certo numero di virus a RNA. È stato dimostrato che lo zinco inibisce efficacemente la replicazione della SARS-CoV nella coltura cellulare, dimostrando il ruolo cruciale dello zinco intracellulare nell’inibire la replicazione del virus.  Questo studio di Velthuis et al ha utilizzato lo zinco ionoforo piritione, che trasporta gli ioni zinco in grandi quantità dalla matrice extracellulare nella cellula, al fine di aumentare i livelli di zinco intracellulare. Senza zinco, lo ionoforo non è stato in grado di inibire efficacemente la replicazione virale. I prodotti farmaceutici clorochina e idrossiclorochina, noti anche per funzionare come ionofori dello zinco, sono ora in fase di test in diversi studi clinici per il trattamento di COVID-19, sebbene senza integrazione simultanea di zinco. Le proprietà antivirali di questi farmaci o di altri ionofori dello zinco potrebbero dipendere dalla disponibilità di zinco, il che dimostra che la combinazione con l’integrazione di zinco potrebbe essere utile per migliorare il loro effetto terapeutico nei pazienti con COVID-19.

Inoltre, la papain–like protein 2, una proteasi virale della SARS-CoV che è fondamentale per la sua virulenza, è stata potentemente inibita dallo zinco. Le stesse azioni di inibizione virale dello zinco trovate per SARS-CoV possono applicarsi anche a SARS-CoV2, poiché il loro genoma è simile. Nel caso in cui lo zinco possa avere un’attività antivirale diretta nei confronti della SARS-CoV2, lo stato dello zinco sarà di importanza ancora maggiore per ridurre la carica virale in COVID-19.

Solo una piccola riserva funzionale di zinco, situata nel fegato e in altri tessuti, è a disposizione del corpo umano per un rapido scambio con il plasma, sufficiente per pochi giorni. Quindi, un aumento della domanda sistemica di zinco, una maggiore escrezione, un basso apporto o un assorbimento ridotto a causa della malattia si traduce inevitabilmente in una carenza di zinco. Di conseguenza, la risposta immunitaria antivirale diminuisce. L’improvviso peggioramento della malattia da COVID-19, frequentemente segnalato, ma non pubblicato, potrebbe derivare da una brusca riduzione del pool di zinco in pazienti già lievemente carenti di zinco. A questo proposito, la perdita del gusto e dell’olfatto, spesso segnalata dai pazienti con COVID-19, può essere dovuta ad un aumento della carica virale. Tuttavia, questi sono anche i primi sintomi noti della carenza di zinco.

Aspetti nutrizionali e clinici

Gli alimenti ricchi di zinco sono pesce, frutti di mare, uova, carne, semi, noci, cereali integrali e legumi. Al contrario, i prodotti a base di cereali raffinati mancano di zinco. La biodisponibilità dello zinco è maggiore se ottenuto da fonti animali rispetto a fonti vegetali e dipende inoltre dalla composizione della dieta. Un elevato apporto alimentare di fitati, alcune fibre e lignina può legare lo zinco e quindi ridurre l’assorbimento di zinco. I fitati sono più presenti negli alimenti vegetali come i prodotti a base di cereali non raffinati e i legumi. Inoltre, un’elevata assunzione di calcio o ferro può interferire con l’assorbimento dello zinco. Inoltre, persone con malassorbimento a seguito di chirurgia gastrointestinale, disturbi digestivi (come diarrea cronica, colite ulcerosa o morbo di Crohn) o varie altre malattie croniche rischiano di assumere una quantità insufficiente di zinco.

La dose giornaliera raccomandata (RDA) di zinco per gli adulti in Europa è di 11 mg/giorno per gli uomini e 8 mg/giorno per le donne, con un livello di assunzione superiore tollerabile (UL) di 40 mg/giorno sia per i maschi che per le femmine. Per i bambini si applicano invece raccomandazioni diverse a seconda della loro età: per età 4-8 anni la RDA è 5 mg/giorno (UL è 12 mg/giorno), per età 9-13 anni la RDA è 8 mg/giorno (UL = 23 mg/giorno) e per età 14-18 anni la RDA è di 11 mg/giorno per i maschi e 9 mg/giorno per le femmine (UL è 34 mg/giorno per entrambi i sessi).  I dosaggi considerati sicuri per l’integrazione orale negli adulti sono compresi tra 10 e 12 mg/giorno. Devono essere evitati dosaggi eccessivi che comportano assunzioni dietetiche giornaliere totali superiori agli UL, specialmente per periodi di tempo prolungati. Un sovradosaggio di zinco può indurre carenza di rame e l’accumulo di zinco ha effetti tossici. La biodisponibilità degli integratori orali di zinco varia a seconda della loro composizione chimica. Il gluconato di zinco, il citrato e il picolinato sono assorbiti meglio rispetto all’ossido di zinco.

Per quanto riguarda le interazioni con i farmaci, gli integratori di zinco possono interferire con l’assorbimento gastrointestinale di antibiotici come tetracicline e chinolonici, inibendo l’assorbimento sia dello zinco che dell’antibiotico. Separare il momento dell’ingestione assumendo l’antibiotico almeno 2 ore prima o 4-6 ore dopo l’assunzione dell’integratore di zinco riduce al minimo questa interazione. Gli integratori di zinco possono anche ridurre l’assorbimento della penicillamina, un farmaco antireumatico. Gli individui possono ridurre al minimo questa interazione assumendo penicillamina almeno 2 ore prima o dopo l’ingestione del supplemento di zinco. Per quanto si possa ragionevolmente accertare, non vi sono altri effetti rilevanti dello zinco sui farmaci.

Poiché lo zinco potrebbe diminuire la glicemia nelle persone con diabete di tipo 2, è importante monitorare attentamente i livelli di zucchero nel sangue quando si inizia l’integrazione di zinco. La dose di farmaci per il diabete potrebbe richiedere aggiustamenti. 

Sommario e conclusione

La ricerca epidemiologica e gli studi osservazionali forniscono indicazioni per la carenza dello zinco nei gruppi ad alto rischio per COVID-19. Vari farmaci ipotensivi e statine ampiamente utilizzati possono influenzare l’equilibrio dello zinco, peggiorando l’omeostasi dello zinco in individui già lievemente carenti di zinco. Poiché l’omeostasi dello zinco disturbata si traduce in funzioni immunitarie compromesse, si ipotizza che aumenti la suscettibilità per COVID-19. Pertanto, la correzione della carenza di zinco nei gruppi a rischio potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel controllo della malattia COVID-19. Gli studi hanno dimostrato che l’esaurimento dello zinco nell’ipertensione può essere corretto mediante aggiustamenti dietetici o integrazione di zinco, con l’ulteriore vantaggio di migliorare la regolazione glicemica e ridurre l’infiammazione. 

In conclusione, c’è un’urgente necessità di attuare raccomandazioni dietetiche per tutte le popolazioni a rischio di una carenza di zinco. Inoltre, nei gruppi ad alto rischio di carenza di zinco dovrebbe essere presa in considerazione l’implementazione immediata della supplementazione di zinco. Queste misure di intervento preventivo e nutrizionale hanno il potenziale per migliorare la risposta immunitaria antivirale per COVID-19 così come per eventuali future epidemie virali. Sono urgentemente necessari studi su larga scala per indagare il ruolo dei micronutrienti nell’immunità antivirale, in particolare nell’interazione immunità e farmaco-micronutriente.

https://nutrition.bmj.com/content/early/2020/06/11/bmjnph-2020-000095

 

Interventi nutrizionali precoci con zinco, selenio e vitamina D per aumentare la resistenza antivirale contro il COVID-19 progressivo

 Sommario

Obiettivi: la nuova infezione da coronavirus (COVID-19) rappresenta una grave minaccia a livello globale per la salute e l’economia a causa della mancanza di vaccini e trattamenti specifici. Un fattore comune per le condizioni che predispongono a gravi sviluppi è un’infiammazione di basso grado, ad esempio sindrome metabolica, diabete ed insufficienza cardiaca, a cui possono contribuire le carenze di micronutrienti. Lo scopo del presente articolo era esplorare l’utilità dell’intervento precoce dei micronutrienti, con particolare attenzione su zinco, selenio e vitamina D, per alleviare l’escalation di COVID-19. Metodi: abbiamo condotto una ricerca online di articoli pubblicati nel periodo 2010-2020 su zinco, selenio e vitamina D, e sulle infezioni da virus corona e correlate. Risultati: c’erano alcuni studi che fornivano prove dirette sulle associazioni tra zinco, selenio e vitamina D con COVID-19. Un adeguato apporto di zinco, selenio e vitamina D è essenziale per la resistenza ad altre infezioni virali, la funzione immunitaria e la riduzione dell’infiammazione. Pertanto, si suggerisce che un intervento nutrizionale che garantisca uno stato adeguato potrebbe proteggere dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2 (sindrome respiratoria acuta grave – coronavirus-2) e mitigare il decorso del COVID-19. Conclusione: abbiamo raccomandato l’inizio di un’adeguata integrazione nelle aree ad alto rischio e/o subito dopo il momento di una sospetta infezione da SARS-CoV-2. I soggetti in gruppi ad alto rischio dovrebbero avere la massima priorità per quanto riguarda questa terapia nutritiva adiuvante, che dovrebbe essere iniziata prima della somministrazione di misure mediche specifiche e di supporto.

https://www.mdpi.com/2072-6643/12/8/2358/htm?fbclid=IwAR2FLyIf3pf2706YKQ_beeP-1O-TJbppHJYjOmHZR-RpWHhg27fDGvPv7-A

 

Il ruolo dello zinco nell’immunità antivirale

Lo zinco è un oligoelemento essenziale fondamentale per la crescita, lo sviluppo e il mantenimento della funzione immunitaria. La sua influenza raggiunge tutti gli organi e i tipi di cellule, rappresentando una componente integrale di circa il 10% del proteoma umano e comprendendo centinaia di enzimi chiave e fattori di trascrizione. La carenza di zinco è sorprendentemente comune, colpisce fino a un quarto della popolazione nei paesi in via di sviluppo, ma colpisce anche popolazioni distinte nel mondo sviluppato a causa dello stile di vita, dell’età e da fattori mediati dalle malattie. Di conseguenza, lo stato dello zinco è un fattore critico che può influenzare l’immunità antivirale, in particolare perché le popolazioni carenti di zinco sono spesso più a rischio di contrarre infezioni virali come l’HIV o il virus dell’epatite C. Questa recensione riassume la scienza di base corrente e le prove cliniche che esaminano lo zinco come antivirale diretto, nonché come stimolante dell’immunità antivirale. Negli ultimi 50 anni si è accumulata un’abbondanza di prove per dimostrare l’attività antivirale dello zinco contro una varietà di virus e attraverso numerosi meccanismi. L’uso terapeutico dello zinco per infezioni virali come il virus dell’herpes simplex e il comune raffreddore è derivato da questi risultati; tuttavia, resta molto da imparare sui meccanismi antivirali e sui benefici clinici dell’integrazione di zinco come trattamento preventivo e terapeutico per le infezioni virali.

… Gli individui anziani sono anche significativamente più suscettibili alla carenza di zinco, aumentando la loro probabilità di contrarre infezioni virali pericolose per la vita. Ex vivo, è stato dimostrato che l’integrazione di zinco migliora la produzione di IFN-α leucocitaria e riduce la produzione di TNF a cellule mononucleate. La supplementazione per un anno con 45 mg di zinco elementare/die in soggetti anziani (età compresa tra 55 e 87 anni), ha anche dimostrato una drastica riduzione dell’incidenza di infezione così come dei marker di stress ossidativo plasmatico

Tuttavia, il trattamento con zinco applicato a una dose terapeutica e nella giusta forma ha il potenziale per migliorare drasticamente la clearance delle infezioni virali sia croniche che acute, così come le loro patologie e sintomi di accompagnamento. Di conseguenza, il ruolo dello zinco come antivirale può essere suddiviso in 2 categorie:1 ) integrazione di zinco implementata per migliorare la risposta antivirale e l’immunità sistemica nei pazienti con carenza di zinco e 2 ) trattamento con zinco eseguito per inibire in modo specifico la replicazione virale oi sintomi correlati all’infezione.

 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6628855/?fbclid=IwAR2NwIlzeNVHgTL14prXGg-RckvBSZ5FmASubF4EIL2okmQt1A65K4TMFns

 

Il potenziale impatto della supplementazione di zinco sulla patogenesi COVID-19

Durante l’attuale pandemia della corona, sono urgentemente desiderate nuove opzioni terapeutiche contro questa malattia virale. A causa della rapida diffusione e dell’immenso numero di individui affetti in tutto il mondo, le opzioni economiche, disponibili a livello globale e sicure con effetti collaterali minimi e una semplice applicazione sono estremamente garantite. Questa revisione discuterà quindi il potenziale dello zinco come agente preventivo e terapeutico da solo o in combinazione con altre strategie, poiché lo zinco soddisfa tutti i criteri sopra descritti. Sebbene siano disponibili una varietà di dati sull’associazione dello stato individuale dello zinco con infezioni virali e del tratto respiratorio, le prove di studio riguardanti COVID-19 sono finora mancanti ma si può presumere come indicato da altri ed è dettagliato in questa prospettiva, concentrandosi su riequilibrio della risposta immunitaria mediante integrazione di zinco. Soprattutto, il ruolo dello zinco nelle complicanze vascolari indotte da virus è stato a malapena discusso, finora. È interessante notare che la maggior parte dei gruppi a rischio descritti per COVID-19 sono allo stesso tempo gruppi associati a carenza di zinco. Poiché lo zinco è essenziale per preservare le barriere naturali dei tessuti come l’epitelio respiratorio, impedendo l’ingresso di agenti patogeni, per una funzione equilibrata del sistema immunitario e del sistema redox, la carenza di zinco può probabilmente essere aggiunta ai fattori che predispongono gli individui all’infezione e alla progressione dannosa di COVID -19. Infine, a causa delle sue proprietà antivirali dirette, si può presumere che la somministrazione di zinco sia benefica per la maggior parte della popolazione, specialmente per quelli con uno stato di zinco non ottimale.

Conclusioni

In questa prospettiva, abbiamo esaminato la letteratura più importante sul ruolo dell’omeostasi dello zinco durante le infezioni virali, concentrandoci sui potenziali benefici della supplementazione di zinco per prevenire e trattare le infezioni da SARS-CoV2. Sebbene i dati specifici sulla SARS-CoV2 siano purtroppo ancora in sospeso e non siano stati condotti studi randomizzati controllati, le prove enumerate dalla letteratura suggeriscono fortemente grandi benefici della supplementazione di zinco. L’integrazione di zinco migliora la clearance mucociliare, rafforza l’integrità dell’epitelio, diminuisce la replicazione virale, preserva l’immunità antivirale, attenua il rischio di iperinfiammazione, supporta gli effetti antiossidanti e quindi riduce il danno polmonare e riduce al minimo le infezioni secondarie. Soprattutto i soggetti più anziani, i pazienti con malattie croniche e la maggior parte dei restanti gruppi a rischio COVID-19 potrebbero trarne beneficio. Sebbene siano necessari studi per testare l’effetto dello zinco come opzione terapeutica per la malattia stabilita, l’integrazione preventiva dei soggetti dei gruppi a rischio dovrebbe iniziare ora, poiché lo zinco è un’opzione economica, disponibile a livello globale e semplice da usare con effetti collaterali minimi o nulli.

https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fimmu.2020.01712/full?fbclid=IwAR0eIvYKvU9TTidXnD85AUoMcpFgSLhue1lZ0PES5aKSgTXGbHfBNRPTLMY

 

Il ruolo chiave dello zinco nell’immunità degli anziani: un possibile approccio nella crisi COVID-19

Background e obiettivi

L’infezione da COVID-19 può portare alla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), che colpisce principalmente pazienti di età pari o superiore a 60 anni. I dati preliminari suggeriscono che lo stato nutrizionale può modificare il corso dell’infezione e, in materia, lo zinco è fondamentale per la crescita, lo sviluppo e il mantenimento della funzione immunitaria. In assenza di trattamento per questo virus, è urgente trovare metodi alternativi che possano contribuire al controllo della malattia. Lo scopo di questo articolo è stabilire la relazione tra zinco e COVID-19.

Metodi e risultati

In base alle conoscenze scientifiche precedenti, abbiamo eseguito una revisione della letteratura ed esaminato il ruolo dello zinco sulla funzione immunitaria nell’infezione da COVID-19. I nostri risultati sono che lo zinco, come agente antinfiammatorio, può aiutare a ottimizzare la funzione immunitaria e ridurre il rischio di infezione.

Conclusioni

La supplementazione di zinco può essere una strategia utile per ridurre il carico globale di infezione negli anziani, è necessaria una maggiore ricerca per migliorare la nostra comprensione del COVID-19 e la cura dei pazienti affetti.

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2405457720301182?fbclid=IwAR2NXawx8C1ZJ86hzGZtxYEeOZpdK2ff_cKy-US1u1sfImHLW6ICAlI5I4g

 

 

 

 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *